Monthly Archives: Gennaio 2009

All things must pass

Il Cox 18 non c’è più. Mi torna in mente la piccola porta che si apriva sulla libreria Calusca, il cortile tra i palazzi, come se quell’angolo fosse miracolosamente scampato al cementificio della città. Era più o meno il maggio del 1995 e Primo Moroni era lì tra gli scaffali, circondato di libri, e noi [...]

prove tecniche di Grande Fratello

l’idea a questo punto è di far diventare la televisione dello Stato “televisione di Stato”. l’Informazione non può essere neutra, il processo di raccolta, sistemazione e ritrasmissione dei dati colorirà sempre di una qualsivoglia sfumatura la comunicazione attraverso (appunto) un media. l’unica possibilità e augurio che ci si possa fare su di una informazione tramite [...]

cerchiamo di capirci…

però cerchiamo di capirci: se critico e dissentisco dalla “linea” di questo governo non vuol dire necessariamente che gradisca e accetti la parte “avversa”. se esiste tuttavia una “linea” sottile in quando a sensibilità ma greve in quanto a risultati da una parte, in campo opposto abbiamo la tristezza totale di un horror vacui sulla [...]

La Politica e il Destino dell’Umanità 2

esempio pratico di ciò che dicevo poc’anzi. la demente scelta effettuata un po’ di anni orsono di legarci all’Est invece che al nord Africa per quello che concerne il gas a noi è costata un aumento feroce delle bollette e questa evitabilissima crisi energetica subito dopo quella più globale petrolifera. complimenti a Lui ed il [...]

ad maiora

a P.W.
Ma ciò che più rimpiango
È il suono della tua voce
In cento occasioni disparate
A ritroso nella memoria
Fino al punto di vista
D’un bambino
Di fronte a te
Ancora in piedi
Immenso
Ricordi bianco/nero di Tv
Divano letto
Nonni
Tabacco dolce da pipa e cani
Ma il domani è già un altro
Tubi di plastica colorata
E trasparente
Per il fato infiocchettati
Allegramente
Nostalgia nera della tua voce
Al bisbiglio sfiatato
Di [...]

eppur si muove…

passato che fu l’anno bisestile e la solita passerela trionfante di buoni propositi, non rimane che da portare in scena il bisunto miserabile canovaccio di cui ognuno conosce a menadito le nauseanti parti. prego rimettersi nei propri panni e rientrare nei ranghi, please. spente le luci di sala, voilà: anche quest’anno, l’équarrisage pour tous!