prove tecniche di Grande Fratello

l’idea a questo punto è di far diventare la televisione dello Stato “televisione di Stato”. l’Informazione non può essere neutra, il processo di raccolta, sistemazione e ritrasmissione dei dati colorirà sempre di una qualsivoglia sfumatura la comunicazione attraverso (appunto) un media. l’unica possibilità e augurio che ci si possa fare su di una informazione tramite media e che cerchi di essere il più possibile “sincera”.
“Anno zero” è una trasmissione di parte, sì, ma che è sempre stata “sincera”. ora, la televisione di uno Stato dovrebbe mantenere in sé la maggioranza delle idee e dei punti di vista delle componenti sociali da cui è formato e dare loro spazio per rimetterle al dibattito pubblico. come dicevo, l’importante è che siano almeno digeribili dai più e soprattutto sincere.
ma per una “televisione di Stato” l’importante è non trasmettere un programma che fa discutere, perché non si deve discutere sulla linea di governo che tiene il partito che ne è a capo. in pratica non si deve parlare di un qualcosa a meno che non si sia in linea col Partito di governo. ecco, questa è “una buona informazione”, sic est.
ovvero la televisione “pubblica” perché dello stato deve esprimere e seguire la linea del Partito di governo.
other kind of thinking is not allowed.

Bookmark the permalink. Follow any comments here with the RSS feed for this post.
Trackbacks are closed, but you can post a comment.

Leave a Reply